Samsung non è fra i produttori di smartphone che spiccano di più nel mercato dei medio di gamma. Nonostante ultimamente abbia presentato qualche mid-range interessante, è ancora difficile per il gigante sud coreano riuscire a fronteggiare il lavoro della concorrenza nello stesso segmento. Sembra però che le cose stiano per cambiare. L’azienda è pronta ad investire di più sugli smartphone medio di gamma, rivoluzionando la sua strategia di business.

Cambio di rotta per la divisione mobile di Samsung

Il CEO della divisione mobile di Samsung, DJ Koh, ha spiegato – durante un'intervista rilasciata a CNBC – come cambierà la strategia dell'azienda nell'immediato futuro. Fino ad ora il colosso coreano si è focalizzato sull'importanza di portare il meglio della tecnologia sui top di gamma, per trasferirlo solo in parte (e successivamente) anche alle fasce più basse. 

Stando a quanto dichiarato da Koh, la strategia del prossimo futuro cambierà completamente il punto di partenza. L'azienda si focalizzerà sull'implementazione di feature d'ultima generazione soprattutto sui medio di gamma. Questo non implica certamente un calo dell'attenzione verso la serie Note e Galaxy S.

Piuttosto si tratta di un aumento della considerazione di una fascia di smartphone potenzialmente molto interessante sotto il punto di vista economico. Ed è proprio questo che ultimamente ha fatto preoccupare l'azienda. Le vendite nel segmento dei medio di gamma sembrano essere in calo, ma la questione riguarda principalmente Samsung. Intanto, aziende come Huawei (ed Honor) e Xiaomi continuano a sfornare terminali che riscuotono grande successo proprio nella stessa fascia.

I "millennials" sono un target molto interessante

Secondo Koh è importante per Samsung dare importanza ad un target come quello dei Millennials, ovvero gli utenti presenti in una fascia d'età compresa – più o meno – fra i 20 ed i 40 anni. 

Potenziali clienti che spesso, per una serie di motivi, non hanno sufficienti risorse economiche da investire in smartphone top di gamma. Tuttavia, si tratta di utenti perfettamente a proprio agio con le moderne tecnologie, che non scendono a compromessi con device entry level rallentati alla prima accensione. Soprattutto, sono stimolati dagli altri produttori – come quelli appena citati – che sono in grado di offrire terminali dall'ottimo rapporto qualità/prezzo.

Ecco, Koh punta proprio a questo: dare ai Millennials lo smartphone ideale. Un prodotto accessibile sotto il punto di vista economico, ma con buone prestazioni, feature interessanti ed in grado di differenziarsi dalla massa della concorrenza. Sembra che Samsung sia già a lavoro per raggiungere l'obiettivo. Il primo device frutto della nuova strategia potrebbe arrivare prima della fine del 2018.