Razer Phone 2 sarà realtà. L’azienda che per prima ha lanciato uno smartphone da gaming non ci sta a rimanere a guardare mentre la concorrenza produce i propri device dello stesso genere. 

Razer Phone 2, per ora se ne conosce solo il nome

Le intenzioni del colosso americano sono state rese note in un report sull'andamento economico dello stesso. Un portavoce ha specificato il ruolo cruciale di Razer nello sviluppo del settore degli smartphone da gaming.

"Razer si sta focalizzando sullo sviluppo del telefono Razer di seconda generazione e sui software che insieme a lui saranno lanciati. L'obiettivo è portare parte dei software destinati ai PC anche sul mercato mobile"

All'interno del documento non ci sono altri riferimenti concreti allo smartphone. Nessun dato tecnico o differenza con il futuro predecessore. Molto probabilmente, sotto la scocca ci sarà il potente Qualcomm Snapdragon 845 con 6/8GB di memoria RAM e 64/128GB di storage interno. Si tratta però solamente di previsioni e congetture.

Il design di Razer Phone 2 sarà certamente diverso da quello dell'attuale gaming phone dell'azienda, ma non c'è da aspettarsi di ritrovarsi con bordi ridotti al minimo o – peggio – notch. Ergonomicamente parlando, Razer Phone è decisamente "comodo" così com'è.

Quanto al software, chiaramente si tratterà di Android 9.0 Pie con personalizzazione dell'azienda. Da quanto dichiarato, a bordo potremmo già ritrovare i nuovi software – tradizionalmente destinati ai PC – che Razer ha intenzione di portare anche sui dispositivi mobile.

Ma ci serve davvero un gaming phone? 

Una domanda alla quale appare ancora difficile rispondere. Attualmente, dati alla mano, un gaming phone non è altro che uno smartphone estremamente potente con ottimo display (addirittura quello di Razer Phone ha un refresh rate di 120 Hz) e buon comparto audio. 

Questa categoria di smartphone si avvicina parecchio, estetica a parte, a quella dei tantissimi top di gamma presenti sul mercato. Inoltre, c'è da sottolineare che non esiste ancora un vero e proprio settore di videogame – pensati per il mobile – così potenti da richiedere una speciale scheda tecnica per poter funzionare.

Tutto sommato, basta un medio di gamma di buon livello per utilizzare il 99% dei giochi presenti sul Google Play Store. Probabilmente è ancora un po' presto per considerare quello dei gaming phone un settore "necessario". 

FONTE