PosteMobile ha annunciato di aver superato il traguardo di 1 miliardo di Euro movimentati con pagamenti e operazioni bancarie effettuate da mobile.

"Sin dal lancio, PosteMobile ha scelto un posizionamento distintivo nel mercato delle Telecomunicazioni proponendo un’offerta in grado di coniugare i tradizionali servizi di comunicazione mobile di voce, dati ed SMS, con una gamma innovativa di servizi bancari e finanziari basati sull’integrazione della propria SIM con gli strumenti di pagamento BancoPosta", si legge in una nota.

Dei 3 milioni di clienti che oggi possiedono una SIM PosteMobile, oltre 1 milione utilizza ogni mese i servizi di Mobile Payment per eseguire pagamenti di bollettini, bonifici, ricariche Postepay e SIM, trasferimento di denaro all’estero tramite il servizio Moneygram eper acquistare beni e servizi pagando col cellulare.

"I servizi di PosteMobile sono particolarmente apprezzati sia per la semplicità di utilizzo – anche il cliente in possesso di cellulare “tradizionale” può utilizzarli dal menu della SIM – sia per la sicurezza: la tecnologia sviluppata da PosteMobile per i servizi di Mobile Payment ha infatti ottenuto dall’European Patent Organisation (EPO) di Monaco il brevetto internazionale EPO, attualmente esteso a 38 Paesi", prosegue la nota.

Decisivo impulso all’utilizzo di questi servizi è arrivato senza dubbio con lo sviluppo del mobile wallet integrato nell’App PosteMobile, lanciata nel 2010. Da oggi, il mobile wallett dell’App PosteMobile è aperto ai clienti di tutti gli operatori mobili: per utilizzarli è sufficiente scaricare l’App gratuita da Google Play, App Store e Amazon Store.

Questo importante passaggio consente di fatto a PosteMobile di proporsi al mercato come un Over TheTop (OTT) nell’ambito dei servizi finanziari in mobilità. PosteMobile ha inoltre avviato un importante piano di investimenti per l’evoluzione a Full MVNO. Evoluzione che porterà al potenziamento delle infrastrutture e garantirà numerosi benefici alla clientela, arricchendo ulteriormente il contenuto innovativo dei servizi di Mobile Payment offerti, fra cui l’abilitazione completa ai servizi NFC di pagamento contacless. PosteMobile è stato infatti il primo operatore mobile in Italia a uscire dalla fase di sperimentazione e a immettere sul mercato il sistema di pagamento di prossimità tramite tecnologia NFC (Near Field Communication) che permette di pagare nei nei negozi abilitati semplicemente avvicinando lo smartphone al POS dell’esercente.

Con il prossimo passaggio di PosteMobile a Full MVNO tutte le SIM commercializzate saranno nativamente abilitate all’NFC e consentiranno lo sviluppo su larga scala anche dei servizi di Proximity Payment grazie al mobile wallet dell’App PosteMobile, che già abilita tutti i clienti ai servizi di Remote Payment.

La grande novità rispetto alla prima generazione di SIM NFC commercializzate da Poste Mobile sarà la possibilità di “smaterializzare” all’interno della nuova SIM gli strumenti di pagamento di cui il cliente già dispone: le proprie carte e/o il proprio conto corrente, senza la necessità di dotarsi di un nuovo strumento di pagamento associato alla SIM.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum