Uno dei maggiori frutti dell’accordo
per l’apertura dell’architettura mobile, firmato pochi giorni fa al Comdex 2001
di Las Vegas, è la stretta collaborazione decisa tra Nokia e NTT DoCoMo per
i futuri servizi mobili a valore aggiunto dei sistemi 3G. Infatti, nonostante,
il W-CDMA sarà lo standard sul quale verranno basati tutti i sistemi 3G in arrivo
sui vari mercati, Nokia e NTT DoCoMo lavoreranno insieme per far si che questa
standardizzazione sia la più completa possibile.

Nello specifico, i due giganti
creeranno un’architettura aperta che coprirà le seguenti aree: la navigazione,
la messagistica e l’area di esecuzione delle applicazioni. Per la navigazione
l’attuale standardizzazione non pone dei vincoli precisi, sebbene il WAP 2.0
sembra essere il candidato più sicuro per questa operazione. Entro fine anno
Nokia e NTT DoCoMo definiranno una serie di specifiche tecniche precise.

Per ciò che concerne la messagistica
le due aziende lavoreranno insieme per lo sviluppo degli MMS, che sarà standard
internazionale e queste specifiche dovrebbero vedere la luce entro la fine del
2003. Infine le due compagnie hanno deciso di porre un accordo per la standardizzazione
delle specifiche dettagliate sull’area di esecuzione delle applicazioni, per
la seconda metà del 2002. In particolare il supporto Java dovrà essere garantito
per tutti i futuri terminali e per tutte le reti mobili W-CDMA.

Una volta completato il discorso
su tutte e tre le aree di interesse, ci vorranno altri sei mesi affinché possano
uscire sul mercato i primi terminali che rispondano appieno a queste specifiche.
Infine NTT DoCoMo e Nokia collaboreranno anche per la specifica di opzioni di
sicurezza e certificazione on line.