La casa finlandese ha chiuso con ottimi risultati il terzo trimestre dell’anno.

Nei tre mesi (luglio-settembre) l’utile per azione del maggior produttore mondiale di telefonini è salito a 0,40 euro da 0,21 euro dello stesso periodo 2006, una crescita del 90%.
Il fatturato globale si è attestato nel periodo a 12,9 miliardi, in crescita del 28%.
L’ASP (average selling price), il prezzo medio di vendita dei cellulari, nel periodo è sceso a 82 euro dai 90 euro del secondo trimestre 2007.

La casa finlandese ha venduto 111,7 milioni di cellulari, una quantità che le consente di raggiungere una quota di mercato di circa il 39%.