Non vi sarebbe alcun reale pericolo di sicurezza per i cellulari satellitari di Thuraya che stanno utilizzando molti dei giornalisti internazionali nell’area della Guerra del Golfo. Ad affermarlo è nuovamente Mohammad Omran, CEO di Thuraya. Il problema sarebbe stato sollevato dalle autorità militari americane per spingere i giornalisti integrati nelle proprie unità di combattimento a non utilizzare i cellulari di Thuraya che, essendo compatibili con la rete GPS, sarebbero facilmente localizzabili.

‘Capiamo le esigenze militari – ha affermato Omran- per assicurare la sicurezza delle truppe e del personale. D’altro canto siamo certi che tutti coloro i quali utilizzano cellulari Thuraya non sono di alcun pericolo per se e per gli altri e che i dati inviati e ricevuti da questi utenti nelle zone di guerra non sono assolutamente decodificabili’. Il sistema Thuraya, che è stato progettato da Boeing Satellite Systems International, una divisione di Boeing che si occupa di sistemi satellitari, consente di utilizzare i terminali sia su reti GSM che su reti satellitari, oltre a localizzare il cellulare stesso grazie al GPS integrato.

‘Solo Thuraya ha accesso alle informazioni di localizzazione dei terminali – ha affermato Dave Ryan, Presidente di Boeing Satellite Systems International – ed è molto difficoltoso accedere dall’esterno a questi dati decodificando le trasmissioni GPS in tempo utile per localizzare un terminale al suolo. Il processo sarebbe oltremodo lungo e richiederebbe abilità tecniche elevatissime e supporti logistici