La Guardia di Finanza di Napoli ha arrestato una decina di persone con l’accusa di aver partecipato ad una presunta truffa telematica del valore di oltre 40 milioni di euro ai danni di Tim (Telecom Italia), messa a punto attraverso l'attivazione di circa 35.000 schede telefoniche false.

Per il momento sono otto gli arresti effettuati, mentre altre 29 persone sono state denunciate.
Secondo le Fiamme gialle, la truffa consisteva nell'attivazione di schede telefoniche intestate a persone fittizie, con le quali venivano effettuate chiamate a numeri 899 creati per monetizzare il traffico sottratto illegalmente alla società Telecom Italia Mobile.

L'operazione ha visto la cooperazione dalle Fiamme Gialle e Polizia di Napoli, Roma e Firenze, con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo campano.