Microsoft Teams si apre a nuove app collaborative che si collegano alle riunioni. Di fatto, l'azienda consentirà ora agli sviluppatori di vendere abbonamenti alle app di Teams.

Microsoft Teams: diventerà onnipresente?

Microsoft ha consentito agli sviluppatori di creare app di terze parti in Teams lo scorso anno, ma oggi con Build 2021 la società farà un ulteriore passo avanti. Nel tentativo di convincere più sviluppatori di app a includere il suo software , l'azienda sta aprendo le sue API cruciali, il Teams Store e strumenti a ciò che chiama “app collaborative”.

Gli sviluppatori saranno presto in grado di creare app che si collegano alle videocall di Teams; potranno persino sviluppare app separate che ottengono l'accesso ai flussi video e audio in tempo reale di Teams. Jeff Teper, responsabile della collaborazione di Microsoft 365, in un'intervista a The Verge, ha così ribadito:

Se puoi creare app Web, puoi creare estensioni nelle chat, nei canali e nelle riunioni di Teams Puoi costruire una volta, eseguire, distribuire ovunque.

Ciò significa che le app create per Teams funzioneranno su Windows, Mac, Web, iOS, Android e persino Linux. Microsoft sta lanciando un'anteprima che consentirà agli sviluppatori di condividere app come lavagne e lavagne di progetto e condividere software all'interno delle riunioni in Teams. Non di meno, sta anche semplificando la creazione di queste applicazioni per gli sviluppatori con una maggiore integrazione in Visual Studio e Visual Studio Code.

Anche la modalità Together Mode di Microsoft per i team, che utilizza l'intelligenza artificiale per segmentare il viso e le spalle e mettere insieme te e i tuoi colleghi in uno spazio virtuale, è stata aperta. “Stiamo offrendo alle persone un kit di strumenti in modo che possano progettare le proprie scene Together Modes“, afferma Teper. “Siamo piuttosto entusiasti di vedere cosa viene in mente la gente.

Entro la fine dell'estate, il colosso di Redmond consentirà anche alle app di terze parti di accedere a flussi audio e video in tempo reale da Teams.

Qualcuno potrebbe creare un'applicazione completamente personalizzata che è diversa dall'interfaccia utente di Teams e quell'app può interagire con Teams tramite voce, video o chat“, spiega Teper. Un esempio potrebbe essere un ospedale che vuole creare una connessione dalla propria app di telemedicina a Teams per abilitare le videochiamate.

Microsoft consentirà inoltre agli sviluppatori di vendere i propri abbonamenti all'interno delle app Teams. Microsoft non è entrata nei dettagli sulla possibilità di ridurre le vendite, ma Teper desidera sottolineare che l'obiettivo principale della società è quello di costruire un ecosistema di app. “Potremmo guadagnare un po ‘di soldi sul mercato, ma il nostro modello di business principale saranno le licenze Microsoft 365 e le licenze Azure e Power Platform che gli sviluppatori consumano“, ha affermato.

Microsoft ha sempre posizionato Teams come hub per la produttività e questi ultimi annunci sono chiaramente progettati per rendere il software un po' più adatto agli sviluppatori.

Fonte:The Verge