LG V40 ThinQ sarà ufficializzato a breve. Il 3 ottobre si alzerà il sipario sul nuovo phablet top di gamma del colosso sud coreano. Intanto, in rete trapelano le immagini del device che probabilmente saranno pubblicate sul sito del gestore telefonico americano AT&T.

Tripla camera: l’ulteriore conferma

Non che ci fossero ormai molti dubbi a riguardo. Tuttavia, i nuovi render offerti dal leaker Evan Blass, confermano ancora una volta la presenza a bordo di LG V40 ThinQ di un triplo sensore fotografico principale.

Dalle immagini, il comparto fotografico sembra allineato in orizzontale, con i tre sensori posizionati l’uno accanto all’altro. Poco distante, è presente il flash led. Sotto le fotocamere sbuca il lettore d’impronte digitali.

Il render scelto per AT&T sembra nascondere il notch. Infatti, sul frontale lo sfondo è limitato in linea retta, come a creare un bordo. Al centro ci sono i due sensori della fotocamera frontale.

Tuttavia, esaminando bene i laterali ci si accorge che il logo dell’operatore telefonico ed anche il simbolo dell’NFC sono chiaramente mostrati sul display con sfondo nero. La possibilità di disabilitare il notch è resa disponibile da parte di LG su tutti i device che lo hanno a bordo.

Lo sguardo d’insieme del device denota una certa somiglianza con il già ufficiale LG G7 ThinQ. Uno stile semplice, ma comunque elegante. Non manca nemmeno il pulsante di attivazione rapida di Google Assistant, che anche su LG V40 ThinQ beneficerà chiaramente di alcuni comandi vocali esclusivi.

Dov’è l’hype?

Ottobre sarà un mese di grandi presentazioni. Infatti saranno ufficializzati diversi smartphone di fascia alta: Huawei Mate 20 (e versione PRO), Google Pixel 3 (e 3 XL), OnePlus 6T e – chiaramente – LG V40 ThinQ.

I leak sui terminali sono all’ordine del giorno e gli utenti sembrano sempre più impazienti di scoprire tutti i nuovi device, quasi tutti. Infatti, sembra che l’entusiasmo per l’arrivo di LG V40 ThinQ sia inferiore rispetto a quello per gli altri terminali.

Non è ancora molto chiaro cosa non funzioni, ma è evidente che il phablet del colosso sud coreano sia fra i meno attesi. Probabilmente, LG avrebbe dovuto offrire più teaser e leak “ufficiosamente ufficiali”. Quel tanto che basta per tenere alta l’attenzione su un phablet che – almeno su carta – promette decisamente bene.