LG V40 ThinQ sarà presentato il prossimo 3 ottobre. La sue particolarità è la presenza di ben 5 fotocamere a bordo: 3 sul posteriore e due sulla parte frontale. A pochissimo dell’ufficialità, spunta un nuovo leak che svela il funzionamento dell’intero comparto fotografico.

Non più solo grandangolo

Negli anni, quanto alla fotografia via smartphone, la killer feature dei device LG è sempre stata quella di scattare con un buon grandangolo, che non avesse eccessive distorsioni.

Da qualche tempo, diversi terminali della concorrenza hanno iniziato ad offrire la stessa possibilità. Dunque, il gigante sud coreano non aveva scelta: reinventarsi, adeguandosi al cambiamento nel settore degli smartphone.

Probabilmente è per questo motivo che LG V40 ThinQ avrà a bordo ben 5 fotocamere principali, che saranno in grado di offrire ben più dello scatto grandangolare.

Come funzionano le fotocamere di LG V40 ThinQ

Le cinque camere di LG V40 ThinQ sono divise in 3+2. Le tre posizionate sul posteriore hanno – chiaramente – triplice scopo. Il primo è un sensore “standard”, dunque si occupa dello scatto principale della fotografia. Il secondo ha invece il compito di garantire il tradizionale grandangolo mentre l’ultimo sensore, e questa è la principale novità, permette di eseguire uno zoom ottico 2X.

Sul frontale, come anticipato, spuntano altre due fotocamere dedicata ai selfie. Il primo pensiero è che la doppia camera possa servire per eseguire al meglio l’effetto bokeh nella modalità ritratto. La realtà è però un pochino diversa. Certamente, una delle funzionalità sarà questa, ma principalmente il secondo sensore poterà il grandangolo anche sul comparto fotografico dedicato al selfie. Una novità interessante, che potrà semplificare di molto gli autoscatti di gruppo.

Ormai mancano un paio di giorni soltanto e poi il sipario su LG V40 ThinQ sarà definitivamente sollevato. Un periodo decisamente coraggioso per presentare un nuovo phablet. Infatti, ottobre sarà un mese ricco di nuove ufficializzazioni nel mondo dei dispositivi mobili e sarà proprio il gigante sud coreano ad aprire le danze.