Una vera e propria rivoluzione
sta per avvenire nel settore dei display. I cristalli liquidi stanno pian piano
soppiantando le tecnologie fin qui utilizzate e, ovunque vi sia un display,
LCD è il futuro. Nel settore dei PC, nel 2005, quasi tutti i monitor saranno
LCD, nelle televisioni, invece, i display LCD ed al plasma saranno predominanti
solo nel 2010.

Un altro mercato che vedrà una
vera e propria rivoluzione con i nuovi display LCD è quello dei terminali mobili.
I mini display che alcune aziende stanno sviluppando trasformeranno completamente
questo settore. Le dimensioni di questi display sono 9.6×6 mm, mentre lo spessore
è simile a quello delle lenti di un paio di occhiali. La risoluzione che potranno
visualizzare tali display è altissima, per le loro dimensioni, e perfetta per
produrre mini PC da polso o telefoni cellulari di nuova generazione.


Uno dei mini display della Koplin
(sotto la moneta)

La società Kopin
ha messo a punto questo tipo di display, basato su diodi di differente colore,
che filtrano la luce entrante ed hanno una chiarezza enormemente più elevata
rispetto a quelli prodotti finora. Non avendo bisogno di filtri, come gli altri
display, quelli prodotti da Kopin costeranno notevolmente di meno di un display
normale, all’incirca 6.5 dollari.

Il futuro dei display è, quindi,
senza dubbio, LCD. Nel 2000 sono stati venduti 7 milioni di display LCD, nel
2001 la cifra è salita a 20 milioni. Nel solo mercato PC, ben il 20% dei nuovi
display acquistati nel 2001 sono stati LCD. Con questo ritmo nel 2005 tali display
saranno dominanti sul mercato, ma ci sarà bisogno di costruire nuove fabbriche,
visto che l’indotto di quelle attuali non basta a garantire la fornitura prevista
per gli anni a venire.