Dopo una settimana esatta dal lancio, iniziano ad essere rese note le specifiche tecniche che Apple ha omesso durante la presentazione dei nuovi iPhone Xs, Xs Max ed Xr. Prima è stato il turno del quantitativo di RAM, adesso invece ci sono finalmente dati a proposito della batteria di tutti i tre modelli.

Le informazioni derivano dalle certificazioni cinesi TENAA, necessarie affinché un device sia commercializzato in Cina.

iPhone xs

iPhone X ha una batteria da 2716 mAh, mentre iPhone Xs si ferma a 2658 mAh. Una riduzione di capienza che potrebbe essere giustificata da una migliore ottimizzazione delle risorse energetiche. Di fatti, durante la conferenza di presentazione, l’autonomia energetica di iPhone Xs dovrebbe essere superiore a quella del suo predecessore.

Per quello che riguarda il modello Max, la batteria risulta essere da 3174 mAh. Una dimensione più ampia giustificata ovviamente dalla dimensione del display.

iPhone Xr ha invece a bordo una batteria da 2942 mAh. In questo caso, l’autonomia energetica potrebbe essere la più interessante. Infatti, sebbene il processore sia lo stesso rispetto a quello dei top di gamma, la risoluzione inferiore dello schermo riduce sensibilmente i consumi energetici. Chiaramente solamente un test diretto potrà fugare ogni dubbio.

Ma perché Apple nasconde dettagli importanti?

Non è semplice capire perché durante i keynote, ma anche succesivamente fra le specifiche tecniche elencate sul suo sito Web, Apple ometta informazioni importanti come il quantitativo di RAM e la dimensione della batteria.

Invece di usare dati numerici, il gigante di Cupertino preferisce descrivere i suoi device tramite le performance energetiche e le prestazioni effettive. Si sa, iOS ha bisogno di meno risorse – rispetto ad Android – per funzionare bene.

Questo accade perché il sistema operativo è praticamente cucito addosso ai dispositivi che lo utilizzeranno. Lo stesso non si può dire dell’OS del robottino verde, installato su migliaia di device di ogni genere.

Per questa ragione, Apple utilizza meno risorse hardware, anche se questo non si traduce certamente in performance scadenti. Il motivo per il quale l’azienda omette di specificare con le cifre determinati dati potrebbe essere legato a questo: arginare il più possibile il fenomeno del confronto fra device effettuato semplicemente affiancando due o più schede tecniche.