I

possessori di iPhone 2G sanno bene dell’esistenza di diversi programmi di Instant Messaging già disponibili in rete per il loro dispositivo; la funzionalità di queste soluzioni è ormai assodata e collaudata, e la disponibilità open source del SDK ha dato un forte impulso in tal senso, permettendo agli sviluppatori ed appassionati di tutto il mondo di contribuire nella costruzione di questi prodotti.
Tuttavia, uno dei limiti della versione attuale di iPhone, è la impossibilità di tenere in background questo tipo di applicazioni; non è una limitazione da poco visto che questo obbliga l'utente a continui log-in e log-off quando hanno bisogno di passare da questa applicazione ad un'altra o viceversa.
Una novità in tal senso potrebbe arrivare da un nuova e proprietaria soluzione di chat, brevettata da Apple nello scorso Marzo, che agendo sui permessi di ciascuna applicazione,potrà in futuro permettere che le stesse possano essere mantenute running ma in backgroud.
Apple non ha ancora annunciato se intende inserire questo nuovo brevetto all'interno del codice del firmware 2.0, ne è ancora chiaro se sarà invece scaricabile esternamente tramite iTunes.