Il consorzio Mobile Industry Processor Interface (MIPI), l’alleanza creata lo scorso luglio da ARM, Nokia, STMicroelectronics e Texas Instruments per definire nuovi standard comuni per la progettazione di telefoni cellulari, può adesso contare sul supporto di Toshiba, Intel, Motorola, che si sono unite al gruppo delle altre aziende. In precedenza Intel e Motorola avevano dato sempre parere negativo riguardo la partecipazione al MIPI, perchè il consorzio ritiene basilare l’adozione della tecnologia OMAP di Texas Instruments come standard globale.

I quattro membri fondatori del MIPI sostengono di aver dato vita all’alleanza per favorire lo sviluppo di un’ampia gamma di strumenti wireless ed evitare la predominanza di un unico soggetto nei telefonini di nuova generazione. Fanno parte del MIPI anche l’olandese Philips Electronics, le giapponesi Renesas Technologies e Toshiba, la coreana Samsung Electronics e la tedesca Siemens.