Q

uello dei telefonini introdotti illegalmente nelle carceri è un problema molto sentito dalle autorità di tutto il mondo.
I telefonini sono una merce di scambio molto rara e preziosa all’interno delle carceri, dal momento che consentono ai malviventi di continuare a tenere sotto controllo le proprie attività illecite dalla cella.
All’interno delle carceri, la sorveglianza è sempre più stretta e, in Inghilterra, c’è stato il primo esperimento sull’utilizzo di un cane addestrato appositamente a fiutare i telefonini.
Murphy, uno springer spaniel di 15 mesi, è andato molto bene nel suo primo test, tenutosi nella prigione di Norwich.
Al momento si tratta dell’unico cane addestrato a rilevare i cellulari.