Nei prossimi 5 anni il valore delle aziende del settore mobile raddoppierà grazie all’UMTS. Ad affermarlo è Vincenzo Novari, Amministratore Delegato di 3 Italia. ‘L’UMTS consentirà di aumentare significativamente il valore delle aziende del mobile. Sono convinto che in capo a 5 anni il valore di questa industry sarà raddoppiato. In termini macro – ha detto Novari – la sfida è quella di aumentare l’ARPU da 30 a 40 euro, variandone del 20% il mix, a beneficio delle revenues che derivano dai servizi dati ad alta velocità. Il fattore critico per competere nel 3G non è soltanto costituito dai contenuti, ma soprattutto da come i contenuti vengono resi disponibili’.

‘Nella nostra esperienza – ha sottolineato Novari – i clienti non si limitano solo a vedere i contenuti, ma li vogliono poter conservare e distribuire tra le persone che fanno parte delle loro reti relazionali. Occorre trasformare in altrettante occasioni di fatturazione – ha affermato l’AD di 3- i comportamenti dei clienti in mobilità, a cominciare dalla domanda crescente di informazione e di servizi time saving. La domanda di servizi nuovi come quelli resi disponibili dal 3G c’è ed è importante. Lo dimostrano non solo gli oltre 300 mila clienti acquisiti da 3 Italia in 150 giorni – ha concluso Novari – ma anche i dati di utilizzo: il 75% dei nostri clienti fa almeno una videochiamata alla settimana, il 25% dei messaggi dei nostri clienti sono videomessaggi, nell’ultimo mese i clienti appassionati di calcio hanno scaricato 200 mila videogoal, con una penetrazione del servizio che è aumentata del 50 %’.