Secondo uno studio di Analysis nei prossimi anni il download di applicazioni J2ME, soprattutto giochi, rimpiazzerà quello di loghi e suonerie. Il giro di affari generato dai giochi Java salirà dai 250 milioni di Euro del 2002 ad oltre 3 miliardi di Euro del 2005. La voce di guadagno principali dei nuovi VAS passerà, quindi, da loghi e suonerie, che nel 2002 genereranno un giro di affari di circa 1.2 miliardi di Euro, ai giochi J2ME.

Moltissimi operatori mobili stanno lanciando o hanno lanciato servizi di download di giochi Java direttamente sul telefonino, facendosi pagare un corrispettivo per ogni gioco scaricato. Sempre più cellulari supportano il J2ME e sempre più telefoni hanno display a colori ed ampi. Un altro punto rilevante, anche se rispetto al Java meno pervasivo inizialmente, saranno gli MMS. Il problema di questi ultimi sarà, però, la scarsa interoperabilità tra reti di gestori diversi, che obbliga a poter inviare MMS solo ai clienti del proprio gestore e la difficile organizzazione sul campo della gestione dei diritti digitali (DRM).

Attualmente l’interworking per gli MMS sta per essere integrato nelle reti dei maggiori gestori e per i primi mesi del 2003 dovrebbe essere possibile mandare MMS a pressoché chiunque possieda un terminale compatibile. Non si può certo dire lo stesso sul DRM. Non esiste, infatti, uno standard unico che regoli la gestione di contenuti scaricati da un utente e poi liberamente diffondibili tramite Internet, MMS, etc. I fornitori di contenuti dovranno pensare con attenzione alle possibili soluzioni per evitare il nascere di un mercato sotterraneo dei servizi multimediali, pena la perdita di una larga fetta di introiti.