L’Università Bocconi propone agli aspiranti imprenditori di tutto il mondo un gioco per cellulare di simulazione strategica, che replica la gestione di un chiosco di gelati.
Lo scopo dell'università è quello di far familiarizzare i giovani con l'interpretazione dell'ambiente competitivo, la lettura di un bilancio e la comprensione della reportistica aziendale.
È realizzato in italiano per il mercato interno e in inglese per quello estero, dal momento che il 10% delle matricole Bocconi proviene ormai da fuori Italia.
Alla sua realizzazione hanno collaborato Tim e lo sviluppatore specializzato Impressionware.
Per giocare è sufficiente registrarsi sul sito dell'università http://www.unibocconi.it/ice e attendere un SMS con il link per scaricare il gioco.
Con un'interfaccia grafica accattivante, che riproduce i luoghi in cui è possibile installare il chiosco (Università Bocconi, piazza Duomo, galleria Vittorio Emanuele, Brera, via Montenapoleone, Navigli e Castello Sforzesco) il gioco fa vivere una giornata da imprenditore, che si apre con la consultazione delle notizie (temperatura prevista, eventi che possono influire sull'affollamento dei vari luoghi) e continua con le decisioni strategiche necessarie.
Il giocatore stabilisce dove mettere il chiosco, quali attrezzature eventualmente comperare, che personale ingaggiare, a quale prezzo vendere il gelato, se sostenere spese di promozione, che ricetta utilizzare per il gelato (gustoso e costoso o scipito ma economico?) e quante materie prime, spesso deperibili, acquistare.
Ogni decisione ha effetti sia sulle uscite, determinando un costo immediato, sia sulle entrate, stimolando le vendite future. Il gioco crea, infine, una reportistica che fa capire al giocatore qual è stato il guadagno della giornata.
Nella giornata successiva, può correggere il tiro in base all'esperienza maturata.
I giocatori, infine, potranno inviare il proprio punteggio ad una 'borsa del gelato' e confrontarlo con gli altri per vedere chi sia il più abile.
"Con Ice cream empire ci proponiamo di creare un primo contatto informale e piacevole con i giovani che sentano una vocazione alle attività economiche", dichiara il rettore dell'Università Bocconi, Angelo Provasoli, "e di divulgare la cultura economica. Se questi giovani decideranno di proseguire la relazione con la Bocconi frequentando i nostri corsi, ne saremo felici; in caso contrario avremo comunque contribuito alla comprensione delle logiche aziendali da parte di un pubblico giovane, ampio e internazionale".