Huawei
sceglie Milano. Huawei sceglie l’Italia. Non per lanciare un modello o come vetrina per il proprio portafoglio prodotti, ma come sede del nuovo Competence Center.

 

Arriva da noi il primo esempio di delocalizzazione del colosso cinese, che punta ad avere un ruolo di rilevanza in Europa ed EMEA, e non più solo all'interno delle mura di casa. Per questo arriva un centro di ricerca e sviluppo da 80 persone, che diventeranno 100 a breve, con un investimento da quantificare intorno ai cento milioni di euro entro il 2015.

 

Il centro di competenza, il primo aperto al di fuori della Cina, ha al centro le tecnologie Microwave di ultima generazione, e si candida come polo di eccellenza e innovazione, nonché punto di riferimento mondiale per lo sviluppo di soluzioni wireless, in aperta controtendenza rispetto alla crisi economico-finanziaria che ha colpito Italia ed Europa negli ultimi anni.

 

La volontà di Huawei è quella di entrare nel mercato italiano in maniera più capillare, attraverso una collaborazione lato telefonia mobile con gli operatori. La strategia di portafoglio sarà aggressiva, tanto che Honor, il prodotto di punta che promette prestazioni importanti da top di gamma, "….Sarà una sorpresa in termini di posizionamento…" nelle parole di Daniele De Grandis, Executive Director Terminal Business Unit di Huawei Technologies Italia.

 

Del nuovo Competence Center abbiamo potuto visitare alcuni laboratori, toccando con mano in prima persona le tecnologie del futuro, che da qui a (speriamo) poco entreranno a far parte delle nostre città con una conseguente larghezza di banda più ampia. 

 

Huawei Honor
Huawei Honor

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum