Secondo quanto si apprende da un recente report trapelato online, Huawei investirà 1 miliardo di dollari per sviluppare la tecnologia EV e Self-Driving.

Huawei: un investimento di 1 miliardo di dollari

Huawei sta attraversando tempi molto difficili da quando gli Stati Uniti hanno imposto diverse sanzioni alla società, limitando il colosso cinese in varie molte attività. Di fatto, ha interrotto la sua produzione di chip di fascia alta e sta anche perdendo quote di marketing nel settore degli smartphone.

Mentre il suo business delle telecomunicazioni e della telefonia mobile sta soffrendo, la società sta andando avanti per affermarsi nel suo prossimo obiettivo: i veicoli elettrici e la tecnologia a guida autonoma. In linea con questo, il brand cinese investirà circa 1 miliardo di dollari per lo sviluppo di tali tecnologie con il suo marchio, riferisce Bloomberg.

L’azienda mira ora a sfidare costruttori del calibro di Tesla e Xiaomi, tra gli altri con la propria tecnologia per le auto a guida autonoma. La società ha già chiarito che non ha intenzione di realizzare la propria auto, ma fornirà i propri componenti alle case automobilistiche.

Ha già collaborato con tre case automobilistiche: BAIC Group, Chongqing Changan Automobile Co e Guangzhou Automobile Group Co. Eric Xu, il presidente di turno della compagnia, ha anche rivelato che le auto lanciate porteranno il nome Huawei come sub-brand.

La tecnologia di guida autonoma di Huawei ha già superato quella di Tesla in alcuni aspetti. Ad esempio, le auto dell’azienda hanno un’autonomia di oltre 1000 km.

Commentando questo, Eric Xu ha dichiarato:

La business unit smart car riceve uno degli investimenti più pesanti da Huawei. Investiremo più di 1 miliardo di dollari nello sviluppo di componenti per auto quest’anno. La Cina aggiunge 30 milioni di auto all’anno e il numero è in crescita. Anche se non tocchiamo il mercato al di fuori della Cina, se possiamo guadagnare una media di 10.000 yuan da ogni auto venduta in Cina, questo è già un grande affare per Huawei.

Ricordiamo che l’OEM ha già lanciato prodotti di connettività per auto intelligenti, alcuni dei quali si trovano già nelle berline Mercedes-Benz. La compagnia ha anche collaborato con aziende come BAIC BluePark New Energy Technology Co. per lo sviluppo di sistemi per auto smart e il primo modello nell’ambito della partnership (l’Arcfox αS HBT) sarà presentato ad Auto Shanghai ad aprile.

Fonte:Bloomberg