Honor View 20 è stato ufficializzato durante un evento organizzato nella splendida cornice di Parigi ed è pronto ad arrivare sul mercato globale, che naturalmente include anche l’Italia. Il flagship si conferma campione di potenza, con una scheda tecnica da monstre, e di design: già al CES 2019 il suo valore è stato riconosciuto da una serie di premi internazionali.

Design e stile

L’ultimo nato in casa Honor è innanzitutto bello da guardare, in qualsiasi angolazione. Sul frontale di Honor View 20 v’è un il display da 6,4″ (di tipo IPS LCD con risoluzione Full HD+) che ricopre quasi il 92% del totale della superficie disponibile: l’interessante rapporto schermo/cornice è permesso dall’utilizzo di una nuova tecnologia per l’alloggiamento della camera frontale. Sul pannello è stato praticato un foro, delle dimensioni di 4,5 millimetri, che permette alla selfie camera da 25MP di poter funzionare correttamente, pur rimanendo alloggiata al di sotto del display.

Honor View 20

Il posteriore, che ospita il lettore d’impronte digitali ed il comparto fotografico principale, è impreziosito da una particolare texture realizzata sfruttando tecniche litografiche. Basta osservare il back panel per notare immediatamente una serie di “V” che intercettano la luce ambientale e la utilizzano per creare particolari effetti visivi. Per celebrare View 20, Honor ha stretto una partnership con Moschino che ha permesso di realizzare una linea di accessori personalizzati, come la cover con l’immagine del celeberrimo Teddy Bear, baluardo del brand di moda italiano. Non solo, dalla collaborazione è nata anche una special edition – nella colorazione Phantom Blue – dello stesso top di gamma.

Honor View 20, design

Prestazioni da gaming phone

Sotto la scocca di Honor View 20 c’è il processore Kirin 980, il potente octa core con doppia unità di elaborazione dati dedicata all’intelligenza artificiale, costruito con processo produttivo a 7 nanometri. A supporto, per la versione italiana, ci sono 8GB di memoria RAM e 256GB di storage interno.  Lo smartphone è poliedrico: c’è anche il gaming fra i suoi punti di forza. Non solo a bordo c’è la tecnologia GPU Turbo – ormai nota perché presente su molti device Honor e Huawei – ma è anche presente un sistema fisico di raffreddamento a liquido che dovrebbe consentire al device di restare sempre nelle condizioni ottimali per offrire una buona esperienza d’uso.

A marcare la vocazione da gaming phone del flagship ci ha pensato la collaborazione con Epic Games, che permetterà ai possessori del device che giocano a Fortnite di avere accesso all’esclusivo completo Honor Guard, ma non solo: il gioco girerà sullo smartphone con un framerate di 60fps.

L’autonomia energetica del flagship è garantita da una batteria da 4000 mAh, che dovrebbero consentire una buona copertura anche durante le sessioni di gioco più lunghe, e si ricaricheranno velocemente grazie alla compatibilità con il sistema Super Charge con output da 5A. Inoltre, per non rischiare blocchi durante una partita online, Honor ha dotato View 20 di tripla antenna Wi-Fi gestita dall’intelligenza artificiale: sembra che il software riesca ad impedire che la copertura accidentale della scheda di rete con le mani indebolisca il segnale e peggiori l’esperienza d’uso. Lo smartphone sarà distribuito con Android Pie 9.0 sotto interfaccia utente Magic UI 2.0.1.

Vocazione da camera phone

Non solo giochi, ma anche foto. Il posteriore di Honor View 20 ospita due feature di rilievo che riguardano foto video ed interazioni con la realtà circostante. La fotografia è affidata all’esclusivo sensore Sony IM586 da 48MP che supporta la funzionalità AI Ultra Clarity in grado di combinare diversi scatti fotografici per offrire una foto finale dal risultato migliore, anche con condizioni di luminosità avverse. Il fotografo del National Geographic, Robbie Shone, ha provato in anteprima le doti di camera phone di Honor View 20 e le ha commentate così:

“Apprezzo la straordinaria chiarezza e facilità d’uso di Honor View 20. È uno smartphone in grado di catturare alcuni dei momenti più vibranti e preziosi della vita in modi nuovi, stimolanti ed emozionanti”

Accanto al sensore Sony IMX586 ne compare un secondo, il cui scopo è completamente differente: si tratta di una fotocamera 3D di tipo TOF in grado di riconoscere e misurare la realtà circostante grazie ad una scansione in tempo reale nelle tre dimensioni. Il sistema può essere utilizzato per realizzare foto e video diverse delle solite, ma anche con determinati giochi per smartphone. Non solo, combinato all’AI il sensore 3D è in grado riconoscere elementi della realtà rilevanti (come cibi, dipinti famosi e punti di interesse) offrendo così diversi servizi utili all’utente. Come anticipato, sul frontale è presente una camera da 25MP, incastonata al di sotto del display, che stiamo già testando per scoprirne le performance.

Prezzi e disponibilità

Honor View 20 è disponibile da oggi, 22 gennaio, nelle colorazioni Midnight Black, Sapphire Blue e Phantom Blue (realizzata in collaborazione con Moschino). Il device è acquistabile online ed offiline presso le principali catene di elettronica – ed anche su HiHonor.com – al prezzo di 699,99€.

Unboxing