Per i fan del brand nato da una costola di Huawei arriva una bella notizia, dato che l’ultimo smartphone 5G della gamma Honor 30 è stato appena annunciato ufficialmente: parliamo del chiacchierato Honor 30 Lite.

Honor 30 Lite: tutti i dettagli

Il marchio Honor continua a sfornare nuovi prodotti e oggi alla lista si va ad aggiungere l’atteso Honor 30 Lite 5G. Dispositivo con display LCD FHD + da 6,5 ​​pollici, frequenza di aggiornamento di 90Hz e rapporto schermo-corpo del 91,2%, il nuovo medio di gamma della compagnia cinese si appresta a diventare uno dei telefoni più desiderati della stagione. Il prezzo di questo smartphone e le caratteristiche, come vedremo tra poche righe, infatti lo renderanno uno dei prodotti mobili più interessanti del mercato. Ma partiamo delle specifiche ed in particolare da ciò che troviamo sotto il cofano del nuovo terminale di Honor: ad alimentare il 30 Lite c’è l’ultimo chipset MediaTek Dimensity 800, associato ad un massimo di 8 GB di RAM e 256 GB di storage interno (espandibile tramite scheda micro-sd). Il telefono ha Android 10 con Magic UI 3.1 e presenta sul pannello anteriore un notch a goccia che ospita la selfie camera da 16 MP, mentre sul posteriore troviamo una fotocamera principale da 48 MP, accompagnata da un sensore ultra-wide da 8 MP e un obiettivo macro da 4 MP.

Per quanto riguarda l’autonomia energetica, l’Honor 30 Lite conta su una grande batteria da 4000 mAh con supporto per ricarica rapida da 22,5 watt (il 53% della batteria può essere caricata in 30 minuti e il telefono è completamente carico in 90 minuti).

Venendo ad uno degli aspetti più importanti e che all’utente interessa quanto le caratteristiche di uno smartphone, vi anticipiamo che per mettersi in tasca l’Honor 30 Lite non saranno necessari troppe banconote. Disponibile nei colori Midnight Black, Phantom Silver, Summer Rainbow e Green, il nuovo telefono di Honor può essere acquistato al prezzo di 240$ (al cambio 210 euro circa) per la versione di base con RAM da 6 GB e 64 GB di memoria di archiviazione.

Fonte:Fonearena