HMD si conferma come un’azienda leader nel rilascio di aggiornamenti Android per device mobili. Di fatto, proprio ora, la compagnia ha completato il rollout di Android 10 su tutti i prodotti attualmente presenti nella line-up Nokia.

HMD: tutti i device sono aggiornati ad Android 10

HMD Global, l’azienda che detiene il possesso del brand finlandese Nokia, ha raggiunto un ulteriore nuovo traguardo che consolida il suo impegno nell’offrire un software pulito, veloce, affidabile, sicuro ed aggiornato a tutti i suoi fan. Di fatto, i prodotti Nokia sono all’avanguardia sia negli aggiornamenti di sicurezza (le tanto agognate “patch” mensili che gli OEM rilasciano al fine di tenere sempre protetto dalle ultime minacce il firmware del dispositivo), sia nei grandi aggiornamenti. A ribadir ciò è una ricerca svolta da Counterpoint 3, secondo la quale il 94% degli smartphone Nokia in circolazione è attualmente aggiornato all’ultima release di Android. Non a caso, questa settimana è arrivato Android 10 su Nokia 3.1 e Nokia 5.1.

Juho Sarvikas, Chief Product Officer di HMD Global, afferma:

L’aggiornamento del sistema operativo di un telefono è un processo complesso che coinvolge più partner e una varietà di test 4. Siamo estremamente orgogliosi del processo che abbiamo messo in atto per gli smartphone Nokia e garantire ai nostri clienti la possibilità di beneficiare delle ultime innovazioni Android prima della concorrenza in ogni fascia di prezzo continua a essere una priorità.

In poco più di tre anni, i device Nokia sono stati aggiornati – complessivamente – più di 1000 volte; questo sottolinea il grande impegno dell’azienda nel mantenere i prodotti sempre al sicuro. Adesso, HMD Global ha rilasciato la nuova timeline per gli aggiornamenti ad Android 11. L’avvio è previsto per il quarto trimestre dell’anno con il Nokia 8.3 5G e il Nokia 5.3. Seguiranno anche i telefoni Nokia 2.2 e Nokia 8.1.  Grazie all’ultima release, i telefoni del marchio cinese si doteranno di un nuovo sistema per la gestione delle conversazioni attraverso diverse app di messaggistica, una maggiore integrazione con Google Assistant, un controllo migliorato per le autorizzazioni e per la privacy.