Il colosso della tecnologia di Mountain View ha recentemente lanciato una nuova versione del suo Google Voice Assistant a livello globale. Questo nuovo aggiornamento include il supporto dell’assistenza alla guida per più Paesi e regioni. Certo, è disponibile, ma solo negli Stati Uniti. Per molti mesi infatti, la navigazione automatica e la funzione di guida automatica dell’assistente vocale di Google sono stati in fase di sviluppo. Secondo i rapporti, le sue funzionalità possono ora competere con Android Auto. Attualmente, questo servizio è stato lanciato in Australia, Regno Unito, Irlanda, India e Singapore.

Google Voice Assistant: come funziona?

Con l’aggiunta di questi Paesi, ora un totale di sei nazioni dispone di questa caratteristica. La funzione dell’Assistente vocale di Google consente agli utenti di utilizzare la voce per rispondere alle chiamate, ai messaggi di testo e interagire con il software per ricordare agli utenti memo e promemoria. Inoltre, gli utenti possono gestire la musica durante la navigazione ed è compatibile con applicazioni con app come Spotify e YouTube Music. Questa funzione richiede che la versione del sistema del telefono sia Android 9.0 o superiore e che la memoria sia di almeno 4 GB.

Google vs Australia: che succede?

Nelle notizie correlate, un giudice australiano ha stabilito che la raccolta di informazioni sulla posizione da parte di Google nel sistema Android è fuorviante. Anche se si disattiva l’interruttore di posizione, BigG utilizza uno strano modo per raccogliere le informazioni sulla posizione geografica dell’utente. Secondo il giudice, questo viola la legge australiana.

Il giudice Thomas Thawley della Corte federale australiana ha dichiarato che le violazioni del colosso americano si sono verificate tra gennaio 2017 e dicembre 2018. Durante quel periodo di tempo, quando un utente accedeva o creava un account Google utilizzando un telefono Android per la prima volta, la “Cronologia delle posizioni  era sempre attiva e non si poteva disattivarla manualmente, anche se c’era un apposito tasto“.

Questo faceva pensare al cliente che lo switch possa controllare tutte le informazioni sulla posizione. Tuttavia, questo non ha impedito a Google di ottenere le informazioni sulla posizione dell’utente.

In un’altra impostazione nell’account Google, c’è un’opzione di “Registro di attività web e app“. Ciò consente inoltre a Google di raccogliere e memorizzare le informazioni sulla posizione dell’utente. Inoltre, l’opzione è attiva per impostazione predefinita. L’Australian Competition and Consumer Commission (ACCC) ha affermato che il dipartimento sta attualmente discutendo delle sanzioni per Google. Tuttavia, al momento non ci sono multe specifiche per l’azienda.

Il presidente di ACCC Rod Sims ha dichiarato: “Questa è una vittoria importante per i consumatori, in particolare per gli utenti preoccupati per la privacy personale. La decisione del tribunale invia un messaggio forte a Google e ad altre società Internet che le grandi aziende non possono indurre in errore gli utenti “.

Fonte:ITHome