Prima di rilasciare la nuova versione del suo sistema operativo mobile, Android 10 Q, Google si prepara a introdurre alcuni interessanti miglioramenti alla navigazione gestuale, le cosiddette gesture. Prima del rilascio della versione stabile, sono previste ancora almeno due beta con cui Big G continuerà a sperimentare e migliorare la navigazione basata sui gesti, avvicinando sempre di più l’approccio del suo robottino verde a quello dell’iPhone X di Apple.

Android Q: novità nelle gesture

Tra i gesti che devono essere rivisti c’è quello che riproduce le funzioni normalmente svolte dal tradizionale pulsante indietro di Android: invece di tenere premuto un pulsante sullo schermo, Android Q userà un movimento a scorrimento, verso l’interno da entrambi i lati dello schermo. Una funzione che però, nella beta 4, collide con i menu a scorrimento utilizzati in innumerevoli app per smartphone Android. Lo scorrimento necessario per aprire i menu è sicuramente più intuitivo, ma nell’attuale beta, con questo gesto, non si non riescono a caricare i menu laterali a meno di non far scorrere il dito in diagonale, come scoperto da alcuni utenti.

La prossima versione di Android Q beta 5 dovrebbe andare a risolvere questi problemi. Per aprire i menu a scorrimento coloro che utilizzano la navigazione completamente gestuale dovranno toccare e tenere premuto il bordo dello schermo. Il menu inizierà a comparire, a quel punto potranno farlo scorrere fino in fondo. Viene inoltre previsto il passaggio rapido da entrambi i lati del display per continuare ad attivare l’azione “indietro”.

Accanto a questo cambiamento annunciato ufficialmente, secondo i rumor, potrebbe esserci anche un’altra correzione in arrivo: una nuova impostazione chiamata “Back Sensitivity” che può essere impostata dall’utente su quattro livelli, da basso ad alto, migliorando l’esperienza legata alle gesture.

L’utilizzo delle gesture sarà opzionale su Android Q, dunque chi non è un amante di questa funzionalità potrà mantenere la classica impostazione al quale è abituato.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: 9to5Google