Samsung potrebbe stare preparando un colpo non da poco per rubare la scena a tutti e concedere ai suoi prossimi smartphone un palcoscenico unico: invece che attendere l’IFA di Berlino, momento nel quale tutti si attenderebbero annunci relativi a Galaxy Note 5 e magari anche Galaxy S6+, le ultime informazioni fornite dalle fonti ben introdotte svelano che l'anteprima dei nuovi modelli potrebbe essere stata anticipata alle idi di agosto.

Il 12 del prossimo mese, un mercoledì, l'azienda coreana potrebbe sollevare il velo sul suo phablet più importante dell'anno: il Note 5, atteso da molti appassionati che sperano in un grande rilancio delle specifiche tecniche e del design, debutterebbe in un evento dedicato in un luogo ancora da definire. Assieme a lui potrebbe anche essere svelato il phablet della linea Galaxy S6, il cui nome definitivo per la commercializzazione dovrebbe essere S6+.

Naturalmente ci sono molti motivi per cui Samsung potrebbe avere deciso per un passo del genere: la diretta competizione con Apple, che svelerà i suoi prossimi iPhone probabilmente a cavallo tra settembre e ottobre, potrebbe aver consigliato di anticipare i tempi per non farsi rubare la scena dalla concorrenza. Ma ci potrebbe anche essere un semplice tornaconto economico: se le vendite dei nuovi terminali andassero bene se ne gioverebbe anche il trimestre precedente quello storicamente più corposo, ovvero quello natalizio, garantendo a Samsung un toccasana per i conti.

Il dubbio semmai è se sia opportuna lanciare due smartphone, anzi due phablet, contemporaneamente : le caratteristiche dei prodotti sono diverse, sebbene si dovrebbero somigliare nelle misure, e dunque anche questo potrebbe essere un rischio calcolato. Il Note 5 punterà su prestazioni e la S-Pen, accessorio immancabile per il phablet professionale di Samsung che per l'occasione dovrebbe essere stato anche ridisegnato e migliorato: il processore montato, inoltre, dovrebbe costituire un ulteriore passo in avanti rispetto al già ottimo Exynos 7420 del Galaxy S6. L'Exynos 7422 si candida a divenire il più potente SoC in circolazione, e Samsung dovrebbe aggiungere anche 4GB di RAM al pacchetto per farcire meglio un piatto già ricco. Peccato solo che le indiscrezioni ribadiscano che anche il Note dovrebbe perdere lo slot microSD per l'espansione dello storage, costringendo a ripiegare solo su quello integrato.

Samsung Galaxy Note 5(fonte GSMArena)
Samsung Galaxy Note 5 (fonte GSMArena)

Samsung Galaxy Note 5 (fonte GSMArena)
Samsung Galaxy Note 5(fonte GSMArena)

Il Galaxy S6+, questo pare sarà il nome definitivo del phablet della linea S, sarà invece un prodotto più simile al Galaxy S6 Edge presentato a Barcelona alla vigilia del MWC: schermo con lati curvi (saranno piatti quelli del Note, che invece avrà i bordi posteriori smussati e adotterà la stessa scelta dei materiali dei Galaxy S: vetro e alluminio), niente S-Pen ma buone notizie sul fronte processore. Sembra tramontata l'ipotesi di un Qualcomm Snapdragon 808, e sotto il cofano ci dovrebbe essere lo stesso Exynos 7420 che ha fatto la felicità degli acquirenti degli attuali S6. Sarà solo lo schermo più ampio a fare la differenza, visto che anche la RAM dovrebbe assestarsi sugli stessi 3GB dei due fratelli già in circolazione.

Se questa indiscrezione sarà confermata, i prossimi terminali Samsung potrebbero arrivare sul mercato già a partire dal 21 agosto: in questo modo ci sarà una buona finestra temporale in cui saranno venduti a prezzo pieno e garantiranno margini consistenti all'azienda, senza che altri prodotti possano rubargli la scena e i profitti.