A quanto pare, Samsung per l’imminente Galaxy Note 20 utilizzerà una versione apparentemente migliorata del chipset Exynos 990.

Exynos 990 ottimizzato per Note 20

Samsung ha sempre dotato i suoi dispositivi di punta del meglio del meglio per quanto riguarda i componenti. Tuttavia, il processore Exynos prodotto dal colosso sudcoreano, nonostante il forte impegno in fatto di marketing, ha difficoltà a raggiungere le performance dei chipset di Qualcomm. Questa disparità ha fatto notizia quando il Galaxy S20 – dotato del SoC Exynos 990 e presentato all’inizio di quest’anno – ha mostrato qualche lacuna: purtroppo, sembra che Samsung stia per fare lo stesso errore. In buona sostanza, anche il prossimo device Galaxy Note 20 sarà dotato di questo chip, con la differenza che verrà utilizzata una variante ottimizzata.

Non avendo la certezza di questa indiscrezione, dobbiamo aspettare l’arrivo del Note 20 per capire se effettivamente il processore implementato ha in dote dei miglioramenti. Resta il fatto, come abbiamo scritto poche righe più sopra, che la forte disparità tra l’Exynos 990 di Samsung e lo Snapdragon 865 di Qualcomm è risultata evidente nella gamma Galaxy S20, tanto da portare gli azionisti a mettere in discussione la decisione dell’azienda di servirsi del sistema di Exynos e i fan ad attendere miglioramenti attraverso il chipset Exynos 990+, che non è mai stato realizzato.

Gli ultimi rumor raccontano che anche se Exynos 990+ non esiste, la compagnia sudcoreana si è assicurata che l’Exynos 990 si presenti nella sua forma migliore sotto il cofano della gamma Galaxy Note 20. Resta da attendere l’annuncio della nuova serie di terminali, che avverrà il prossimo 5 agosto durante l’evento Unpacked, per venire a capo di tutti i nostri dubbi: sappiamo per certo, tuttavia, che i dispositivi verranno lanciati nella doppia versione 4G e 5G.

Fonte:Sammobile