Dopo l’approdo su altri sistemi operativi, la versione 73 di Google Chrome sta arrivando anche su Android: le diverse novità verranno sicuramente accolte positivamente da chi si affida al browser di big G per navigare sul web.

Chrome 73 sui dispositivi con Android

L’azienda di Mountain View ha dato il via al rilascio di Chrome 73 sulle piattaforme desktop e mobile: la nuova versione del browser arriva su tutti i computer con sistema operativo Windows, macOS, Linux e Android.

L’aggiornamento porta con sé una lista di bugfix che vanno a sistemare gli errori trovati nei rilasci precedenti e aggiunge alcune funzionalità interessanti. Ciò su cui ci soffermeremo su questo articolo riguardano le novità sui dispositivi Android.

Dopo la versione 72 rilasciata a fine gennaio, l’ultima va ad ottimizzare in particolare le scorciatoie per l’Omnibar, i download e la funzione Risparmio dati, che ora opera anche sulle pagine HTTPS.

Partiamo con l’Omnibar che ora ha una scorciatoia per condividere l’URL corrente e uno strumento penna a sinistra per cambiare il link. Per quanto riguarda i download, l’aspetto che Chrome 73 prospetta è in uno stile desktop: con una finestra in basso che si apre all’inizio del download, rappresentata da un’icona animata, finestra che resta lì pronta per essere aperta o meno, proprio come solitamente accade con computer desktop.

A cambiare è anche il gestore dei download: completamente ridisegnato e riorganizzato per temi con un feed che contiene le anteprime dei file.

Anche per quanto concerne le pagine “Lite” vi sono delle novità interessanti: la modalità “Risparmio dati” di Chrome 73 infatti, in grado di ottimizzare le pagine fino al 90% per un caricamento due volte più veloce, è ora disponibile anche per le pagine HTTPS. Nel frattempo, le pagine Lite Google vengono contrassegnate alla sinistra dell’Omnibar attraverso un’icona e un testo del tachimetro blu.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: Punto Informatico