La polizia spagnola ha diffuso la notizia dell’arresto di un giovane, ritenuto responsabile della creazione di virus per smartphone.
Il 28enne sarebbe accusato della creazione di numerose varianti dei noti virus Cabir e CommWarrior ed aver infettato almeno 115 mila apparecchi, attraverso finti messaggi trasmessi via mms e bluetooth.
Secondo gli operatori questi virus avrebbero causato milioni di euro di danni.
Il giovane adesso rischia una severa condanna.