Dimenticate la funzionalità Walkie Talkie di Apple Watch, almeno per il momento. Lo avrebbe confermato Apple ai colleghi di TechCrunch nella serata di ieri: sembra che una vulnerabilità del sistema di comunicazione a breve distanza possa essere sfruttata per violare la privacy degli utenti.

Apple Watch, Walkie Talkie e privacy a rischio

Naturalmente, il colosso di Cupertino non ha voluto spiegare in che modo sia possibile sfruttare questa vulnerabilità per proteggere gli utenti che usano i suoi orologi smart. Ha sottolineato però che, in qualche modo, questa falla consentirebbe di ascoltare le comunicazioni sfruttando l’iPhone della vittima, che chiaramente non se ne accorgerebbe.

Ad ogni modo, Apple ha promesso che il problema sarà presto risolto, rilasciando un update contenente il fix necessario, che permetterà di tornare a usare l’app Walkie Talkie.  Inoltre, ha anche confermato che la vulnerabilità – che gli è stata riportata attraverso il portale ufficiale per segnalare falle di sicurezza – non è stata ancora sfruttata in alcun modo per ledere gli utenti. Questa la dichiarazione ufficiale:

Ci siamo appena resi conto di una vulnerabilità legata all’app Walkie Talkie su Apple Watch e abbiamo disattivato la funzione mentre cerchiamo di risolvere rapidamente il problema. Ci scusiamo con i nostri clienti per l’inconveniente, ripristineremo la funzionalità il prima possibile. Anche se non siamo a conoscenza di alcun uso della vulnerabilità nei confronti di alcun cliente, servono comunque particolari condizioni per farlo, prendiamo estremamente sul serio la sicurezza e la privacy dei nostri utenti. Abbiamo quindi concluso che disabilitare l’app era la cosa giusta da fare, in quanto questo bug poteva consentire a qualcuno di ascoltare attraverso l’iPhone della vittima, senza il suo consenso. Ci scusiamo nuovamente per questo problema e per l’inconveniente.

Per chi non conoscesse il sistema, si tratta di una comoda funzionalità di Apple Watch che consente a due utenti di comunicare fra loro, sfruttando il dispositivo proprio come se fosse una ricetrasmittente. Al momento però, dopo che l’azienda ha disabilitato la funzione, non è più possibile farlo.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: TechCrunch