Le previsioni di vendita dell’Apple Watch, lo smartwatch che la società di Cupertino introdurrà sul mercato il 24 aprile, sono il trend di queste settimane. L’ultimo che ha fornito una propria stima riguardo i possibili risultati commerciali di questo gadget è Carl Howe di Think Big Analytics, secondo cui la società californiana potrebbe arrivare a 3 milioni di unità vendute nelle prime due settimane. Di questi, 1,8 milioni sarebbero modelli Sport, quelli economici, 1,2 milioni di Watch in acciaio inossidabile e 40.000 Watch in oro per un totale di più di due miliardi di dollari guadagnati.

Apple Watch
Apple Watch

Nel totale del fatturato, 900 milioni di dollari deriverebbero dalle vendite dei modelli Sport, 500 milioni dal Watch in acciaio e 675 milioni di dollari dal Watch in oro. Le stime di Howe indicano che i margini di profitto per ciascuna unità superano il 60 per cento del costo finale. I prezzi dei modelli più avanzati, in particolare, non sarebbero proporzionati all’effettivo costo di produzione di Apple, che dal Watch in acciaio e da quello in oro ha un profitto ancora superiore.

“Sebbene Apple usi materiali di alto livello per Apple Watch, credo che il costo di questi materiali sia minore rispetto al prezzo anche del più economico Apple Sport Watch. Disegnando i quadranti e i cinturini in modo che i prezzi si allineassero a quelli delle gioiellerie piuttosto che a quelli dell’elettronica – ha spiegato Howe – Apple ha posizionato i suoi prodotti indossabili per guadagnare margini estremamente alti rispetto ai suoi smartphone o alla sua linea di computer”.

fonte immagine: carlhowe.com
fonte immagine: carlhowe.com

La produzione di Apple dovrebbe regolarizzarsi tra maggio e giugno, mesi in cui le fabbriche dovrebbero superare i 2 milioni di unità mensili prodotte. “Non credo che l’aumento della produzione soddisferà la domanda, comunque, e mi aspetto che gli Apple Watch tornino a essere disponibili entro l’estate” ha sentenziato Howe.

Le migliori offerte di oggi per Apple Watch: tutti i prezzi