Secondo quanto rivelato dall'elenco ufficiale, emerge che Apple ha avuto un discreto numero di fornitori cinesi nel corso dello scorso anno.

Apple: ecco l'elenco ufficiale dei suoi fornitori

Il colosso tecnologico statunitense ha recentemente pubblicato un elenco dei primi 200 fornitori nel 2020 e si nota la presenza di un certo numero di fornitori cinesi. Sulla scia della disputa commerciale tra Cina e Stati Uniti, Apple ha iniziato a spostare la maggior parte della produzione di iPhone dalla Cina in altri Paesi, come il Vietnam, ad esempio. Mentre c'è stata una riduzione del numero di fornitori nel 2019, il numero di produttori cinesi che fanno parte della catena di approvvigionamento della casa di Cupertino è aumentato a dodici nel 2020, come mostra il registro ufficiale.

L'elenco dei primi 200 è anche un indicatore della crescente importanza dei produttori della Cina continentale nella catena di approvvigionamento di Apple. In termini di regioni, la Cina continentale ha il maggior numero di nuove società presenti nella lista.

A Taiwan, in Cina, sono state aggiunte sei nuove società, ma ne state anche rimosse altrettanti sei. Le aziende appena aggiunte sono: Shuanghong, Kangkong, GIS, Maolin, Jiaze e Jing Technology.

Al contrario, Zhenglong, Fuyang Technology di Pegatron e le sussidiarie continentali di TPK – Jingjia Optoelectronics, Darfon, Meilv e Mingxiang Technology non sono arrivate come fornitori Apple nel 2020.

Inoltre, il fornitore con sede a Hong Kong, Shanghai Industrial Holdings, è tornato nell'elenco della catena di approvvigionamento dopo la sua rimozione l'anno precedente. Tuttavia, i fornitori nazionali Artesyn Technology, Cathay Pacific e Chuangliang Technology non figurano più in lista.

L'elenco mostra anche che la compagnia di Tim Cook ha alcuni nuovi fornitori negli Stati Uniti e questo include Universal Semiconductor. Dall'elenco sono stati invece rimossi Viavi Solutions, nota per la fornitura di componenti laser a emissione superficiale a cavità verticale (VCSEL), e Cypress Semiconductor.

I produttori giapponesi SMK Group e la sussidiaria di Sharp Group Kangdazhi, così come Japan Seiko e altri sono stati rimossi. Toshiba è stata sostituita da Kioxia e NGK Special Ceramics è entrata nell'elenco dei nuovi fornitori del marchio.

Non di meno, Apple ha anche aggiunto un nuovo produttore di componenti sudcoreano: Samsung Electro-Mechanics, un fornitore di RFPCB, mentre il produttore di softboard Interflex è stato rimosso, apparentemente sostituito da realtà cinesi locali.

Fonte:Apple